In Festa Con

Dal 2006 il Progetto ImmaginAfrica lavora con gli enti e le associazioni del territorio veneto per creare un evento cittadino e gratuito che sia spazio di incontro e di confronto interculturale. Consulta il nostro archivio e resta sempre aggiornato sui prossimi eventi di ImmaginAfrica!

18 Settembre 2011
In Festa con l’Africa

Piazza della Frutta, Padova

L’iniziativa è stata realizzata con con il patrocinio del Comune di Padova. La giornata di festa in Piazza della Frutta si è svolta con la realizzazione di numerosi laboratori, letture, esposizioni, e momenti di confronto, curati dal gruppo di fedeli associazioni da anni impegnate nella realizzazione di questo importante appuntamento patavino.
Si sono svolte
attività per bambini e adulti, un ricco pranzo multietnico (con pietanze da Nigeria, Eritrea, Togo, Rwanda, Costa d’Avorio, Marocco, Camerun e Senegal) e una serie di spettacoli pomeridiani:


Percussioni Africane
, Associazione A.S.C.A.P.
Danza della Maschera, Associazione Ihiala
Danze tradizionali e moderne dei Paesi dei Grandi Laghi, Associazione A.P.A.P.G.L.
Danze tradizionali Yoruba, Associazione Egbe Omo Yoruba
Canti Rap (seconda generazione), Associazione Cous Cous Clan
Danze della Costa d’Avorio e Sfilata, Associazione ANDA
Danze tradizionali Igbo, Associazione Nzuko Ndi Igbo
Danza Bensiki, Associazione ARESNDE
Favola, Associazione Togo Debout
Danze tradizionali Edo, Edo Cultural Group
Percussioni Africane, Associazione A.S.C.A.N.

L’edizione di In festa con l’Africa 2011 ha avuto come filo conduttore la tutela dell’ambiente, con particolare attenzione al riuso e alla produzione sostenibile. In un primo momento della giornata, si è costituito il gruppo di lavoro che nel corso del mese di ottobre 2011 ha effettuato un ciclo di incontri sul tema del riciclo con visite alle strutture APS per la costruzione di progetti da realizzare a Padova e nelle aree africane di provenienza dei partecipanti. Da questi primi passi sono stati realizzati due progetti in Africa nell’ambito del riciclaggio, uno in Camerun e uno in Costa d’Avorio.Nel corso della giornata, era possibile partecipare a laboratori sul riciclo e visitare numerosi stand informativi degli enti impegnati nella salvaguardia dell’ambiente e nel consumo responsabile, tra cui il Comune di Padova, Legambiente, CGIL, Federconsumatori e Intelect africani. 

Sono state esposte anche due mostre fotografiche sul tema del riciclaggio e del riuso: Mbeumbeus – Vivere di rifiuti (a cura di Arci e di Fratelli dell’uomo) e Tesori della discarica; e la mostra Made in Ghana, a cura di Cospe, sul recupero delle attività tradizionali attraverso progetti di microcredito. Ultime ma non ultime, le fotografie di Progetto Dogon, esposte sulla balconata di Palazzo della Ragione, che rappresentano momenti di vita quotidiana nel villaggio di Werè, nella regione dei Dogon in Mali. Visita la nostra pagina dedicata alle arti figurative per maggiori dettagli.

Mbeumbeus – Vivere di rifiuti

Vai alla nostra galleria immagini per vedere tutte le foto dell’evento!

 I laboratori e le attività di In Festa con l’Africa 2011

Biblioteca Vivente

A cura di Tam Teatromusica, e in collaborazione con l’Associazione A.S.C.A.P., la Biblioteca Vivente torna a rianimare Piazza della Frutta, con la magia dei raccconti dei suoi 15 libri viventi. Le narrazioni proposte avranno una durata di 20 minuti circa ciascuna ed avverranno in contemporanea in uno spazio appositamente allestito. Non resta che scegliere a quale tavolino sedere e consultare il ‘libro vivente’ da voi scelto. Ogni narrazione potrà essere ripetuta più volte nel corso della mattinata. All’ingresso dello spazio sarà esposto il catalogo dei libri viventi consultabili con i nomi degli autori ed i titoli delle storie. Un ‘bibliotecario s’incaricherà di organizzare il calendario delle consultazioni. Per consultare il catalogo dei libri viventi del 2011, vai alla nostra pagina dedicata al progetto.

SOSteniBICI

L’associazione La Mente Comune presenta un nuovo workshop gratuito per chi vuole imparare a risolvere i problemi più frequenti della bici! Imparerai come: riparare e sostituire camere d’aria e copertoni, sostituire fili, guaine e pattini dei freni, regolare la sella, rimettere a posto la catena. Il workshop prevede momenti di teoria insieme a momenti di prove pratiche con bici e componenti di recupero. Se vuoi porta la tua bici! SOSteniBICI è una della iniziative promosse dall’Informambiente del Comune di Padova per la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile.

Atelier di riciclo con l'artista Afran Francis Abiamba

Realizzazione di piccoli oggetti come portachiavi, medaglioni, portacandele… a partire da materiali di recupero.I principali soggetti saranno delle maschere e degli elementi tratti dalla simbologia africana con l’obiettivo la promozione della cultura africana e dell’arte contemporane e la sensibilizzazione al rispetto dell’ambiente attraverso il riciclo.

L’artista dice di sé: da diversi anni sto scavando nella mia identità. Identità singola e personale, attraverso il percorso a ritroso nelle mie radici tra Camerun e Guinea Equatoriale, ed identità collettiva: chi è il giovane di oggi? Colui che rispetta pedissequamente le usanze tradizionali oppure chi le ostenta senza saperne nulla? Quali effetti ha la globalizzazione sui giovani d’oggi e cosa i giovani possono dare alla globalizzazione? Da noi si dice: “Per sapere dove andare bisogna capire da dove si viene”. Io aggiungo: per capire dove andare, bisogna sì capire da dove si viene ma anche sapere dove ci troviamo in un determinato momento. Come artista impegnato mi sento obbligato a denunciare la situazione dei giovani d’oggi, in balia di una battaglia tra tradizione e modernità che spesso li porta a rinnegare la propria cultura o immergersi inconsapevolmente in un’altra. La globalizzazione ha il grande potere di abbattere le barriere spazio-temporali. Come tutte le “armi” più potenti bisogna saperla usare per non esserne vittima. Il simbolo che meglio racchiude l’essenza della globalizzazione, è, per me, il jeans. Jeans, emblema della tribù dell’Uomo sulla terra; jeans, per vestire e oscurare la policromia culturale. “Blues Jeans” è una visione idealizzata che pretende di combinare la tutela del patrimonio culturale con le nuove esigenze del mondo contemporaneo; un incontro tra passato e presente; una nota malinconica a testimonianza della sofferenza nel cambiamento.

Afran Francis Abiamba, nasce a Bidjap, in Camerun nel 1987. Dopo aver frequentato l’Istituto di Formazione Artistica di Mbalmayo, si diploma in ceramica. Coltiva la pittura, sua grande passione, presso gli atelier dei più grandi pittori camerunesi e congolesi, quali Otheo, Kanté, Roger Botembe, Francis Tondo Ngoma. Nel 2006 si apre all’arte contemporanea grazie a Salvatore Falci, professore di arti visive all’Accademia di Belle Arti di Carrara (Bg). Dopo numerosi concorsi ed esposizioni collettive, nel 2008 presenta la sua prima personale al Centro Culturale Spagnolo di Bata, in Guinea Equatoriale, terra nella quale si era recato alla ricerca delle sue radici. Questa mostra apre la porta a tutta una serie di esposizioni personali e collettive tra Guinea Equatoriale e Italia, dove ora risiede. Attento alle problematiche ambientali e alla tutela dell’identità culturale, usa il linguaggio delle opere pubbliche, quali murales e installazioni, per rendere l’arte alla portata di tutti.

Costruiamo giocattoli con oggetti riciclati!

L’obiettivo del laboratorio sul riciclo proposto da Legambiente è quello di far cimentare i bambini con il tema dei rifiuti come risorsa, da riciclare, recuperare, riutilizzare creativamente. Saranno utilizzati oggetti di uso quotidiano, come bottiglie di plastica, rotoli di carta igenica e vasetti di yogurt per creare giocattoli e strumenti musicali. Il laboratorio è rivolto a bambini dai 6 ai 10 anni. Durante il laboratorio verranno proposti 3 diversi oggetti da costruire, ma sarà lasciato ampio spazio all’immaginazione dei bambini per pensarne altri possibili.Durante tutta la festa, chi porterà rifiuti differenziati allo stand di Legambiente – bottiglie di plastica o vetro, lattine di alluminio o barattoli di carta alluminio, carta e cartone – riceverà in omaggio una caraffa di vetro per evitare di usare le bottiglie di plastica, fonte di rifiuti ed inquinamento. A fianco dello stand saranno presenti le campane di Acegas-Aps, dove conferire i rifiuti differenziati.

Laboratorio di alfabetizzazione informatica

In Festa con l’Africa: immaginare quale futuro per l’Africa, alla luce di un così fervido presente. Lo strumento informatico rappresenta un’opportunità, nonchè uno strumento simbolo degli attuali accadimenti delle rivolte nordafricane. In un gazebo appositamente allestito e dotato di computer rigorosamente recuperati, sarà data l’opportunità di partecipare a diverse attività: un breve percorso di alfabetizzazione informatica e spiegazioni sull’uso e l’importanza del software libero e un laboratorio di disassemblaggio delle componenti elettroniche, costruzione e uso di Lavagne Interattive Multimediali, nonché costruzione di “robot” giocattolo. Sarà esposto all’interno dello spazio, materiale di presentazione relativo, al rapporto tra nuove tecnologie e sviluppo in Africa. Nello stand sarà presente materiale informativo sui progetti che Faber Libertatis sta realizzando in Africa.

L'arte degli scarti: un nuovo modo di produzione sostenibile per l'ambiente

Pile di giornali già letti …come è possibile riutilizzarle? La parola d’ordine per l’artigiano Bruno Russo è: oggettistica d’arredamento! Nell’ambito del laboratorio sul riciclo della carta, proposto da Fratelli dell’uomo e grazie alle sapienti mani di Bruno Russo, capiremo come riutilizzare la carta da giornale per dare forma alla creatività. In contemporanea saranno presentati alcuni percorsi di riciclo di oggetti artigianali attraverso immagini fotografiche ed esposizione dei “riciclattoli africani“, piccoli giocattoli realizzati a mano con materiale di scarto delle discariche africane. Presso lo stand di Informambiente e Arci, verrà allestita la nostra mostra fotografica “Mbeumbeus, vivere di rifiuti – Viaggio nella discarica di Dakar”

Informazione + Formazione: il consumo sostenibile

Associazione senza scopo di lucro, la Federconsumatori ha come obiettivi prioritari l’informazione, l’educazione ad un consumo responsabile e consapevole, la tutela dei consumatori e degli utenti. Inoltre l’Associazione pone attenzione alle nuove cittadinanze prestando ascolto alle loro esigenze alle loro difficoltà. Durante l’evento viene distribuito materiale informativo, tra cui la guida Diritti dei consumatori in 8 lingue, manuale tradotto nelle lingue più diffuse nel nostro Paese perché riteniamo che, per una reale coesione sociale, le regole debbano essere chiare e comprensibili da tutti. Fondamentale è il legame che unisce da sempre l’Associazione alla CGIL, perché pensiamo che non si debba far distinzione tra lavoratori e cittadini e non ci possa essere separazione tra lavoro responsabile e consumo sostenibile. Oltre alla distribuzione di materiale informativo sono previsti due momenti formativi durante la giornata: “Le utenze domestiche e il consumo sostenibile” e “Informazioni su debito e truffe”.

Open Hospital
Voci Globali

Nel gennaio 2011, l’attivista tunisino Mohamed Bouazizi si dà fuoco per protestare contro le condizioni economiche del suo paese, il gesto dà avvio alla rivolta tunisina e alle successive in Nordafrica e Medioriente. Qual è il punto di vista degli immigrati africani sull’accaduto? Quali i timori, le frustrazioni per ciò che ancora non cambia e quali invecele speranze per il futuro? E’ importante l’uso di Internet e degli altri strumenti digitali per il successo delle rivolte? Per rispondere a questi e ad altri quesiti Voci Globali parteciperà a In Festa con l’Africa con una serie di proposte: delle interviste ai migranti secondo le coordinate sopra esposte, per poi produrre un video-documentario e una presentazione; un’ambientazione visivo/sonora delle rivolte: gli immigrati potranno riproporre slogan (es. ‘al sha’b yurid …’) o concetti (libertà, democrazia…) nelle diverse lingue con vernice o pennarelli su rotoli di carta che verranno appesi. Sarà esposto nello stand materiale sui social media e sulle rivolte nonché, più in generale, sul rapporto tra tecnologie e sviluppo in Africa.

Sportello Informativo Migranti

L’Associazione Migranti Onlus, sarà presente alla festa di ImmaginAfrica 2011, con uno spazio dedicato ad attività di sportello informativo pensato per semplificare l’iter burocratico dei permessi/carte di soggiorno e delle pratiche per la ricongiunzione familiare, nel collegamento con i competenti uffici della Questura e della Prefettura – Utg di Padova, ai molti cittadini stranieri che vivono nella nostra città. Lo sportello fornirà gratuitamente informazioni sulla rete di servizi esistenti nel territorio e sulle pratiche di ingresso e soggiorno in Italia.

Laboratorio di sartoria e accessori di abbigliamento

Creatività ed eleganza saranno le protagoniste di questo stand. Avrà inizio alle ore 10.00 a In Festa con l’Africa 2011, il laboratorio di taglio e cucito. I partecipanti potranno scegliere un modello su cui lavorare e, con l’aiuto di una Prisca Kossiwa, sarta africana, arriveranno alla completa realizzazione dell’abito scelto. Proseguendo nel segno della moda creativa, alle ore 11.00, per una durata di circa due ora, verrà avviato un secondo laboratorio artistico sul riuso, ideato e condotto da Marisa Merlin e dedicato alla realizzazione di accessori di moda da vecchie t-shirt e abiti usati. Con tagli speciali, ottenuti da vecchie t-shirt, Marisa insegnerà ai partecipanti come ricavare fettucce per creare, con nodi particolari, collane e bracciali assolutamente originali. I pezzi di fettucce ricavati dalle t-shirt, uniti con particolari nodi costituiscono un unico filo, dal quale, attraverso una lavorazione a maglia o uncinetto, potranno inoltre essere create borse tappeti e altro ancora!

Laboratorio di Calligrafia Araba

Il laboratorio di calligrafia araba, aperto a giovani e adulti, vi permetterà di avvicinarvi a questa affascinante arte! Per parteciparvi non è necessario conoscere l’alfabeto arabo, poiché il laboratorio focalizzerà l’attenzione soprattutto sull’aspetto artistico-culturale della scrittura attraverso: una parte teorica introduttiva sull’origine, l’evoluzione e la trasformazione nel tempo di quest’arte con alcuni cenni storici sulla nascita e sull’evoluzione della calligrafia araba e la presentazione dei diversi stili di scrittura; e una parte pratica con dimostrazione concreta delle tecniche calligrafiche e riproduzione grafica di parole scelte dai partecipanti ed a cui i partecipanti saranno iniziati. Sempre all’interno dello stesso stand, sarà inoltre presente una donna della comunità marocchina disponibile per effettuare tatuaggi con l’henné.

Hanno partecipato:

 Comune di Padova
Università degli Studi di Padova
Associazione A.I.E.
Associazione AmiPadova
Associazione A.N.D.A.
Associazione A.P.A.P.G.L.
Associazione ARCI Padova
Associazione ARENSDE
Associazione A.S.C.A.N.
Associazione A.S.C.A.P.
Associazione Camminare Insieme
Associazione CIAI
Associazione COGNAI
Associazione Colibrì
Associazione COOPI
COSPE ONLUS
Associazione Cous Cous Clan
Associazione CUI
Associazione Ebène
Associazione Edo Cultural Group
Associazione Egbe Omo Yoruba
Associazione Faber Libertatis
Associazione Fratelli dell’Uomo
Associazione Ihiala
Associazione Informatici senza Frontiere
Associazione Karibu Afrika
Istituto di Istruzione Superiore Kennedy
Istituto di Istruzione Superiore Scalcerle
Associazione La Mente Comune
Legambiente Padova
Migranti Onlus
Associazione Nzuko Ndi Igbo
Progetto Dogon
Associazione Razzismo Stop
Associazione Riciclarti
Tam TeatroMusica 
Teatro L’Impronta
Associazione Togo Débout
Associazione Voci Globali

 

Iniziativa finanziata con il contributo dell’Università degli Studi di Padova, sui fondi della legge 3.8.1985 n. 429

Evento realizzato con il patrocinio di:


Comune di Padova
Università degli Studi di Padova
Regione Veneto
Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo
AcegasAps
Migranti Onlus
Coop Adriatica